Arrivederci San Francisco

6 dicembre 2012

Rientrano a Milano domani gli studenti del Leone partiti il 24 novembre alla volta di S. Francisco. Il prof. Tenconi, che ha accompagnato i ragazzi, ci ha inviato un’ultima riflessione su questa esperienza davvero entusiasmante.

Il gruppo dei Leoniani. Da sin. Guglielmo Croff, Gerolamo Setti, Sebastiano Quai, Marcello D’Aprile, Francesco Bassani, Francesca Di Majo, Lucrezia Luti e Sofia Cattaneo

“Siamo alla fine della nostra esperienza a San Francisco. Alle nostre spalle il Golden Gate, porta della speranza di chi è arrivato nella Baia in cerca di pace, di ricchezza, di una vita migliore o semplicemente diversa. Noi abbiamo portato qui il nostro entusiasmo insieme alle nostre paure, ce ne andiamo con la gioia di rivedere le nostre case, ma con il rammarico di lasciare una città di cui siamo diventati un po’ parte.  La Porta d’Oro, che separa le acqua agitate dell’Oceano Pacifico da quelle più tranquille della Baia, è attraversata da tempo dallo splendido ponte che porta il suo nome: possa essere questo il segno conclusivo del nostro viaggio. Il nostro mondo ha bisogno di acque più tranquille, le diverse culture del nostro pianeta hanno bisogno di ponti.

Quale può essere l’impegno di studenti del Leone dopo avere incontrato i loro colleghi del St. Ignatius di San Francisco? Portare pace, là dove si agitano gli spread, gettare ponti, là dove si vogliono erigere muri. Unire, là dove qualcuno vuole dividere. Continuare a portare il frutto che deriva dalla fatica quotidiana e dal buon lavoro di tutti i giorni, consci del fardello che chi segue la via di Sant’Ignazio deve sapere portare. Che altri giovani possano raccogliere il testimone degli otto studenti che tornano dalla California, così che il Leone possa gettare altri ponti tra le scuole ignaziane di questo piccolo grande mondo”. 

 

 

 

Bacheca Download