Rischi e risorse di internet

20 marzo 2013

E’ possibile vivere emozioni reali rimanendo seduti davanti al proprio computer? Che cosa sono le comunità virtuali? Quanti genitori conoscono come i propri figli utilizzano internet? Che pericoli ci possono essere per i giovani e i giovanissimi in Rete?  E questa Rete, può davvero far vivere meglio le persone?

internetA questi ed altri interrogativi si darà risposta martedì 26 marzo alle ore 21 in Istituto, in occasione di un nuovo appuntamento della rassegna dei “Martedì del Leone”, dal titolo Web psychology. Personalità che cresce nella Rete. Interverranno  la prof.ssa Gabriella Pravettoni, ordinario di Psicologia presso l’Università degli Studi di Milano, Direttore del Centro Interdipartimentale di ricerca e intervento sui processi decisionali IRIDe, e il prof. Carlo Strati, docente di disegno e storia dell’arte presso il Liceo del Leone.

Tutta la comunità educante del Leone XIII è invitata a partecipare.

 

 

 

 

Martedì del Leone – 26 marzo 2013

18 marzo 2013

A Genitori 

Docenti                                                                                                                                         

Non docenti   

Ex-alunni

                                                                                                                                              

Prot. 113

 

Oggetto: Martedì del Leone

Internet affrontato da uno psicologo della personalità  per aiutarci a vedere come la vita prende forma nella Rete, analizzando gli attori che vi interagiscono, i loro comportamenti e gli ambienti della comunicazione mediata dal computer. È possibile vivere emozioni reali rimanendo seduti davanti al proprio computer? Che cosa sono le comunità virtuali? Che pericoli ci possono essere per i giovani e i giovanissimi in Rete? Internet può davvero far vivere meglio le persone?

A questi ed altri interrogativi, risponderanno la prof.ssa Gabriella Pravettoni,  ordinario di Psicologia presso l’Università degli Studi di Milano, Direttore del Centro Interdipartimentale di ricerca e intervento sui processi decisionali IRIDe, e il prof. Carlo Strati, docente di disegno e storia dell’arte presso il liceo del nostro Istituto.

L’incontro

Web psychology. Personalità che cresce nella Rete.

si terrà

martedì 26 marzo alle ore 21.00

in sala Martini

L’invito è rivolto a tutta la comunità educante del Leone. Confidiamo nella vostra partecipazione.

 

Il Presidente del Consiglio dei Genitori                                                                   Il Rettore

Paola De Nicola                                                                            Prof.ssa Gabriella Tona

Premiati a New York i nostri studenti

16 marzo 2013

A New York, in occasione delle simulazioni dell’Onu, la nostra studentessa Sofia Strazzabosco di IV ginnasio ha vinto la best delegation nel Consiglio di Sicurezza, il premio più prestigioso e più atteso dalle centinaia di ragazzi che provengono da tutto il mondo per artecipare ai lavori assembleari.

Filippo Camisasca di II scientifico C e Carlo Rubini di I classico hanno ottenuto invece la honorable mention rappresentando la Danimarca nel Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC).

Il prof. Paolo Tenconi, che accompagna i ragazzi, ci ha inviato da New York un testo pieno di entusiasmo che vi proponiamo:

Qui Nuova York, vi parla Paolo Tenconi!

I meno giovani ricorderanno senz’altro il mitico Ruggero Orlando che introduceva così entusiasticamente, agitando la mano destra in segno di saluto, i servizi del Telegiornale del secolo scorso, quando l’America era l’America ed era lontana, la TV in bianco e nero, l’immaginario popolare alzava i grattacieli della Grande Mela di molti centimetri, giacché di inches parlavano solo i professionisti. L’inglese allora era una lingua straniera, l’aereo il viaggio della vita, New York era Nuova York.

Stasera percorrevo da solo la Quarantaduesima, da solo si fa per dire, perché ero circondato e spintonato da centinaia di nuovayorkesi e cittadini di tutto il mondo. Uscendo da Grand Central Station sentivo una babilonia di lingue, una miscellanea di odori e profumi provenienti dai baracchini, gli annunci dell’altoparlante della stazione che faceva correre ai binari i ritardatari. Da solo, dicevo, cioè senza studenti, perché volevo godermi il sapore dei loro successi appena ufficializzati dalla cerimonia conclusiva al Grand Hyatt. Vento freddo e tirato da ieri a New York, le avenues sono le più fredde perché prendono di filata le correnti da nord, meglio stare nelle streets. Benedetti i guanti comprati ieri per cinque dollari da un ambulante ai piedi del ponte di Brroklyn! Ad ogni modo, guanti o non guanti, fa troppo freddo: c’è un tavolo libero allo Starbucks dell’angolo, caffè caldo e Wifi gratuito. Posso scrivere.

Sofia Strazzabosco, di IV ginnasio, ha confermato la brillante performance dello scorso week end a Roma, vincendo la best delegation nel Consiglio di Sicurezza rappresentando il Lussemburgo . E’ il premio più alto nell’assemblea più difficile, perché, a differenza delle altre, i Delegati sono da soli e non in coppia. Inoltre, la discussione era appena iniziata, quando i Dais (cioè i direttori dell’assemblea) hanno simulato una procedura di emergenza: è scoppiata una crisi tra le due Coree, si rischia la guerra. Via il topic dell’accesso all’acqua potabile, che Sofia, come tutti gli altri, sta preparando da prima di Natale, e largo alla soluzione della crisi tra le due Coree, argomento certo ostico per una ragazza di Quarta ginnasio. Bene, ce l’ha fatta lo stesso: bravissima!

Ma le soddisfazioni non sono finite. Filippo Camisasca di II scientifico C e Carlo Rubini di I classico hanno vinto la honorable mention rappresentando la Danimarca nell’Ecosoc, il Consiglio economico e sociale dell’ONU. Qui non ci sono state sorprese, la procedura di emergenza si può applicare solo al Consiglio di Sicurezza e i nostri Filippo e Carlo hanno applicato con determinazione quanto appreso nel corso di preparazione e hanno messo a frutto la fatica di mesi.

Sono stati giorni magnifici ma difficili, tanto lavoro, poche ore di sonno, ore e ore di discussione e di concentrazione, ad ascoltare gli altri, a cercare la soluzione per via diplomatica. La mia soddisfazione è ancora più grande, perché dalle varie assemblee mi sono giunti in continuazione dagli osservatori report positivi sull’atteggiamento dei nostri ragazzi, sulla loro correttezza, sull’uso sicuro della lingua inglese. Mentre scorrevano i nomi dei vincitori nel corso della cerimonia conclusiva, guardavo da lontano il gruppetto del Leone, perso in mezzo ad un salone riempito da ragazzi di tutto il mondo: dodici in mezzo a millequattrocento, meno di un drappello, ma coeso e compatto nel fare gioco di squadra e festeggiare i vincitori. Sarebbe bello davvero che il prossimo anno la nostra rappresentanza fosse ancora più abbondante, ancora più determinata, ancora più decisa a portare il proprio contributo in questo gioco che, se non può cambiare il mondo, può comunque suscitare nei nostri giovani solo buone energie.

Il caffè è finito, ritorno nel gelo delle strade. Il Chrysler sopra la mia testa disegna ondine bianche illuminate sul cielo ormai buio, Grand Central Station è un formicaio impazzito di gente che va e che viene. E’ finita anche questa, ragazzi, le vostre fatiche sono state premiate. Buon riposo, domani si dorme in aereo.

Paolo Tenconi, 15 marzo 2013

 

La festa del Leone XIII per il nuovo Papa

16 marzo 2013

Venerdì 15 marzo i quotidiani “Il Giorno” e “il Giornale” hanno raccontato dell’atmosfera gioiosa che si viveva nel nostro Istituto all’indomani dell’elezione del nuovo Papa, Francesco, il primo Pontefice proveniente dall’Ordine dei Gesuiti.

Papa Francesco MessaGiovedì è stata proprio una giornata di festa, che il Leone XIII ha deciso di esprimere attraverso alcuni momenti di preghiera e la concelebrazione di una S. Messa a cui hanno partecipato tutte le componenti della scuola: studenti dei Licei e della Sec.di I Grado, Docenti e Genitori.

Ai padri gesuiti presenti nella comunità sono giunte tante attestazioni di affetto e di riconoscenza nei confronti della Compagnia di Gesù.

Quello stesso giorno, il nostro sito web ha raddoppiato le visite ed in particolare è stata molto cliccata la news di felicitazioni al Papa, pubblicata subito dopo l’elezione.

 

Leggi l’articolo delGiorno

Leggi l’articolo delGiornale

 

 

E’ un Gesuita il nuovo Papa

13 marzo 2013

Oggi, 13 marzo 2013, è stato eletto il nuovo Papa, che ha assunto il nome di Francesco I.

Il saluto di papa Francesco I

Il saluto di papa Francesco I

L’argentino Jorge Mario Bergoglio, nato nel 1936 da genitori italiani, è membro dell’ordine dei Gesuiti ed è il primo pontefice della Compagnia di Gesù.

Entrato in Compagnia come novizio nel 1958, fu ordinato sacerdote nel 1969.Nel 1972 fu nominato Provinciale dei Gesuiti in Argentina, incarico che ricoprì fino al 1979.

Arcivescovo di Buenos Aires dal 1998, fu nominato Cardinale nel 2001 da papa Giovanni Paolo II.

Padre Francesco Tata S.I., rettore dell’Istituto Massimo di Roma e già provinciale della Provincia d’Italia della Compagnia di Gesù, nell’esprimere la propria gioia per l’elezione di papa Francesco I, ci ha inoltrato questo comunicato: “Papa Francesco ha iniziato pregando e facendo pregare tutti con il Padre nostro. Ci ha accompagnato all’essenziale con un momento di silenzio. Ci sollecita a essere umili e attenti  alla evangelizzazione […] Proviene da un nuovo continente rispetto ai Papi precedenti, la Chiesa è proprio universale. Ancora di più gli siamo vicini perché siamo cresciuti e cresciamo nella stessa famiglia, i Gesuiti. Il comune cammino di educazione ignaziana contribuisca in tutti noi a portare risultati profondi. Preghiamo per papa Francesco e ringraziamo il Signore che con il Suo Spirito guida sempre in maniera sorprendente la Sua Chiesa”.

Tutta la Comunità del Leone XIII esprime, con la preghiera, la grande gioia per l’elezione del nuovo papa.

 

 

 

 

Elezione nuovo Pontefice

13 marzo 2013

A TUTTE LE FAMIGLIE

Gentili Famiglie,

l’elezione del nuovo Pontefice Francesco, il primo Papa gesuita, riempie di gioia i credenti, in particolare la compagnia di Gesù e tutta la comunità del Leone XIII. Sentiamo il desiderio di esprimere gratitudine al Signore per questo dono e la nostra vicinanza al nuovo Papa.

Come Egli stesso ha chiesto, abbiamo deciso di pregare per Lui il Signore.

Per questo, domani 14 marzo alle ore 12:40 nella Chiesa principale dell’Istituto sarà celebrata una S. Messa a cui prenderanno parte tutti gli studenti dei Licei e una rappresentanza degli studenti della Sec. di I Grado.

Agli alunni della Scuola Primaria e della Secondaria di I grado saranno proposti momenti di preghiera durante la mattinata.

I Genitori di tutti i plessi sono invitati a partecipare alla S. Messa per condividere questa grande gioia.

Il Rettore
Prof.ssa Gabriella Tona

Leoniani a Marsiglia per il J.E.E.P.

12 marzo 2013

Affari esteri e politica internazionale, economia e finanza, salute pubblica e tutela ambientale, lavoro e politiche sociali, industria, ricerca ed energia, libertà, giustizia e diritti umani. Sono questi gli ambiti nei quali si cimentano, confrontano le proprie idee e sviluppano il proprio impegno i 56 studenti europei convolti quest’anno nella nona edizione del J.E.E.P. (acronimo che significa Jesuit European Educational Project), la simulazione del Parlamento europeo dei giovani organizzato dalla rete delle scuole dei Gesuiti.

Ad ospitare la sessione del 2013, dal 9 al 16 marzo, è l’Ecole de Provence di Marsiglia (Francia), che quest’anno è stata investita del ruolo di “Capitale europea della cultura” e che è già stata sede della quarta edizione del JEEP.

Marsiglia, Palais du Pharo

Marsiglia, Palais du Pharo

Per chi volesse seguire più da vicino i lavori del JEEP 2013, indichiamo il link al quale è possibile leggere e consultare il ricco blog che un gruppo di “giornalisti” francesi sta allestendo in tempo reale e aggiornando giorno dopo giorno con le testimonianze scritte e audiovisive dei protagonisti di questa storica manifestazione: www.jeep2013.tumblr.com.

Protagonisti dell’iniziativa, consolidata ormai dal lontano 2005, sono delegazioni di 7 studenti del quarto anno dei Licei provenienti dai collegi della Compagnia di Gesù di otto diverse nazioni europee: Francia, Germania, Belgio, Spagna, Lituania, Ungheria, Polonia e Italia (Leone XIII). I ragazzi, scelti dai Consigli di Classe, hanno iniziato la loro preparazione lo scorso mese di ottobre occupandosi di uno specifico topic; a Marsiglia incontreranno in commissione altri sette delegati di altrettante nazioni, allo scopo di poter elaborare una risoluzione da discutere e votare al termine della settimana di lavori nell’assemblea plenaria.

Le risoluzioni verranno dibattute nella giornata di venerdì 15 presso la sala assembleare del Palais du Pharo, uno degli edifici storici più prestigiosi di Marsiglia

Dopo nove anni di attività, il JEEP conserva una sorprendente vitalità: la serietà e l’impegno con cui ragazzi di tutta Europa si confrontano su questioni di stringente attualità, mettendosi in gioco senza timori e confrontando aspettative ed esperienze a volte anche molto diverse tra loro dovrebbe rappresentare non solo un modello, ma persino un monito ai governanti europei perché non lascino cadere il sogno di una Europa finalmente unita, che sia per tutti modello di civiltà ed esempio di democrazia. Da questi giovani cittadini del vecchio continente c’è davvero molto da imparare.

La delegazione del Leone XIII, guidata dal prof. Antonio Bertolotti, è composta da Alberto Bellini, Isabel Ghisolfi, Lucrezia Menoncello, Stefano Parisi, Francesca Pennazio, Matteo Pozzi e Camilla Romagnoli.

 

Proposta English camp

12 marzo 2013

A TUTTE LE FAMIGLIE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Incontro di presentazione del nuovo ENGLISH CAMPS:

 

 

GIOVEDì 21 MARZO 2013 ore 19

Qui potete scaricare:

la locandina  Campus_Estivo e il Modulo_Iscrizione_ Campus.

 

All’ONU per cambiare il mondo

11 marzo 2013
Lavori assembleari presso la sede della Fao a Roma

Lavori assembleari presso la sede della Fao a Roma

Il Change the World Model United Nations  edizione 2013 ha avuto ufficialmente inizio venerdì 8 marzo 2013 nella prestigiosa sala assembleare della FAO a Roma. Cinquecento studenti delle scuole e delle università provenienti da tutta Italia, tra cui alcuni nostri liceali, guidati dal prof. Paolo Tenconi, hanno assistito alla cerimonia di apertura dell’evento che ha avuto numerosi ospiti illustri, tra cui il Magnifico Rettore dell’Università Europea di Roma, padre Scarrafoni, e S.E. il Prefetto Francesco Paolo Tronca, capo del Dipartimento  dei Vigili del Fuoco, che ha per così dire tenuto a battesimo l’iniziativa organizzata come sempre in modo mirabile dall’Associazione Diplomatici di Catania.

Gli interventi degli ospiti nel giorno di apertura si sono rivolti direttamente ai giovani, il futuro della nostra nazione in un momento certo non facile, e li hanno esortati alla solidarietà, all’internazionalità, all’eccellenza, valori che i modelli pedagogici delle scuole della Compagnia di Gesù condividono al cento per cento.La giornata è continuata poi presso i locali dell’Università Europea che ha ospitato la simulazione dei giovani ambasciatori fino a sabato 9, quando i lavori si sono conclusi. C’è stato anche il tempo per visitare la Scuola Nazionale dei Vigili del Fuoco, dove lle delegazioni hanno assistito anche ad alcune dimostrazioni di interventi di salvataggio dei nostri Vigili.

Come è noto, tutta l’organizzazione si è trasferita poi a New York, dove si tratterrrà fino al 17 marzo. Lì si incontreranno altre centinaia di ragazzi provenienti da tutto il mondo, prima a Palazzo di Vetro e poi nelle sale del Grand Hyatt Hotel. E’ doveroso comunque fare subito i complimenti alla nostra Sofia Strazzabosco di IV ginnasio, che a Roma si è classificata al secondo posto nella simulazione del Consiglio di Sicurezza, senza dubbio la più impegnativa di tutte.

Complimenti Sofia!

Marzo internazionale

10 marzo 2013

Qualcuno ricorderà meglio i giardini di marzo, ma noi parliamo dei nostri progetti: in ogni caso marzo è il mese in cui raccogliamo molti frutti del lavoro impostato dall’inizio dell’anno. Dal 2 al 6 un gruppo di dieci nostri studenti, accompagnati dal prof. Benjamin Davies, ha concluso il progetto di eccellenza con Gent. Lo scambio con il nostro Sint Barbaracollege, avviato a Milano nel mese di ottobre, ha permesso il confronto tra le due città e la continuazione di una collaborazione che prosegue pressoché ininterrotta dal 1993.

Dal 7 al 9 un gruppo di quattro studenti guidati dalla prof.ssa Alice Zanardi si è recata a Palermo per l’annuale edizione de I Gesuiti & la Storia: non un’edizione qualunque, in quanto si tratta della trentesima edizione del più classico progetto delle scuole della Compagnia di Gesù, nato in Italia, per la precisione in Sicilia, per iniziativa di padre Patti e ormai diffuso in molte altre scuole europee, da Malta alla Polonia.

Il prof. Antonio Bertolotti guida invece il gruppo del progetto di eccellenza J.E.E.P., vale a dire il Jesuit European Educational Project, la simulazione del Parlamento europeo organizzata tra 8 scuole dei Gesuiti di Spagna, Francia, Italia, Belgio, Germania, Lituania, Polonia e Ungheria, una vera e propria palestra dove i giovani si confrontano a viso aperto sui più scottanti temi di economia e attualità politica. La sessione annuale si tiene quest’anno nel collegio di Marsiglia, dal 9 al 16 marzo.

New York, Palazzo di Vetro

New York, Palazzo di Vetro

Last but not least, è partito anche il gruppo del Change the World Model United Nations, la prestigiosa simulazione dei lavori dell’ONU organizzata dall’Associazione Diplomatici di Catania, un progetto a cui aderiamo per il quinto anno consecutivo. I nostri ragazzi, accompagnati dal prof. Paolo Tenconi, saranno ambasciatori di alcuni Paesi del mondo, di cui dovranno difendere gli interessi in tema di diritti umani e accesso all’acqua potabile. I lavori si sono svolti prima a Roma l’8 e il 9 marzo presso il Palazzo della F.A.O. e si traferiranno a New York, a Palazzo di Vetro e presso l’Hotel Grand Hyatt, dal 10 al 17 marzo.

Il tempo di ritornare per festeggiare la Pasqua e dare poi il via agli ultimi progetti internazionali dell’anno, vale a dire gli stage linguistici a Bournemouth e Dublino per la V ginnasio e la 2^ scientifico C con l’attivazione del programma C.L.I.L. rispettivamente in scienze e storia.

Poi sarà il momento di ricambiare l’ospitalità agli studenti del St. Ignatius di San Francisco, che siamo andati a trovare a novembre nella loro splendida scuola, e di pianificare le tre settimane estive al St. Aloysius di Sydney.

Ma non corriamo troppo, manca ancora tanto per finire la scuola. Per il momento buon lavoro a tutti!

 

« Pagina precedente
Pagina successiva »

Bacheca Download