Credito scolastico Triennio

11 ottobre 2013

Alle Famiglie e agli Alunni del Triennio dei Licei Classico e Scientifico

 

Prot. 734

 

Oggetto: credito scolastico Triennio

 

Gentili Famiglie e Alunni,

rendo nota la tabella ministeriale di riferimento per l’attribuzione del credito scolastico al Triennio dei Licei, come indicata nel DM 99 del 16/12/2009.

 

TABELLA A

(sostituisce la tabella prevista dall’articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007)

 

 

CREDITO SCOLASTICO

(candidati interni)

 

MEDIA DEI VOTI

CREDITO SCOLASTICO (Punti)

 

I anno del Triennio

II anno del Triennio

III anno del Triennio

M = 6

3-4

3-4

4-5

6 < M ≤ 7

4-5

4-5

5-6

7 < M ≤ 8

5-6

5-6

6-7

8 < M ≤ 9

6-7

6-7

7-8

9 < M ≤ 10

7-8

7-8

8-9

 

NOTA (del Ministero)- M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente. Sempre ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell’ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l’assiduità della frequenza scolastica, l’interesse e l’impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti.

 

ASSEGNAZIONE  DEI  CREDITI  FORMATIVI

In merito all’attribuzione dei crediti formativi, il Collegio dei Docenti, nella seduta del 12 settembre 2003, ha stabilito, in accordo con la normativa vigente, i seguenti criteri:

–     le esperienze acquisite al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti relativi ad attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport, devono presentare adeguata certificazione, continuità nell’impegno e coerenza con il progetto educativo dell’Istituto , oltre che con gli obiettivi educativi e formativi di un liceo classico e scientifico;

–     la documentazione relativa all’esperienza deve comprendere un’attestazione del reale svolgimento dell’attività e una sintetica descrizione dell’esperienza stessa;

–     le certificazioni dei crediti formativi acquisiti all’estero sono legalizzate dall’autorità diplomatica o consolare;

–     le certificazioni concernenti attività nel settore linguistico devono essere rilasciate o convalidate da enti legittimati a riportare il livello di competenza raggiunto;

–     le attività sportive devono essere di livello agonistico e devono riguardare quelle discipline riconosciute dagli organi nazionali.

Per coerenza con il progetto educativo d’Istituto, il Collegio dei Docenti ha deciso, nella seduta predetta, che anche l’atteggiamento e la partecipazione durante le ore di religione incidono sull’assegnazione dei crediti.

 

La valutazione e l’assegnazione dei singoli crediti spetta comunque al Consiglio di Classe.

 

Il Coordinatore Didattico

Prof. Vincenzo Sibillo

Bacheca Download