Due nuovi “Progetti Teatro” al Liceo Classico

13 ottobre 2014

Questo mese di ottobre vede nascere due progetti sul teatro antico, rivolti agli studenti del Liceo Classico del nostro Istituto: Andiamo a Teatro e Facciamo Teatro.

volantino fronte

clicca per ingrandire

Il primo progetto si articola in due parti: nel corso dell’anno scolastico i giovani classicisti sono invitati ad assistere presso il Teatro alle Colonne alle rappresentazioni, di Kerkìs, associazione nata in seno all’Università Cattolica di Milano, che ormai da diversi anni promuove e valorizza il teatro classico greco e latino; alla fine dell’anno scolastico, ai ragazzi viene offerta la possibilità di recarsi a Siracusa, nella prestigiosa cornice del teatro antico cittadino, per assistere alle rappresentazioni che annualmente da un secolo mette in scena l’INDA (Istituto Nazionale del Dramma Antico). Si tratta di tre serate di grande cultura, vissuta e non polverosa: un’esperienza profondamente coinvolgente anche per un giovane. Anche questo serve a crescere bene.

volantino retro

clicca per ingrandire

Il secondo progetto, Facciamo Teatro, è un vero e proprio laboratorio di drammaturgia antica, che vede gli studenti impegnati in un primo momento nello studio di un testo teatrale antico (quest’anno è l’Elena di Euripide), sotto la guida di chi scrive e di due attori tutor dell’associazione Kerkìs; la seconda fase consiste in uno studio delle tecniche attoriali e registiche, con l’obiettivo di una messa in scena antologica dell’opera scelta. Al termine del progetto c’è la possibilità di partecipare a Thauma, festival organizzato dall’Università Cattolica, riservato a saggi di spettacoli di teatro classico, recitati da studenti delle scuole superiori del territorio milanese.

Questi progetti, che hanno visto un’adesione generosa ed entusiastica dei nostri studenti, trovano una loro naturale collocazione all’interno del progetto pedagogico ignaziano, che da sempre anima i Collegi dei Gesuiti, nel quale il teatro è autorevolmente inserito nell’attività educativa, come strumento capace di attuare la pedagogia della parola, attraverso esperienze originali, a partire dall’attivazione delle percezioni sensoriali.

I nostri progetti teatrali non vogliono certo contrapporre Euripide all’ iPad, bensì integrare l’uno con l’altro, per una formazione armoniosa, consapevole e utile al cittadino di oggi, all’uomo di oggi.

Prof.ssa Elisabetta Biella, Dipartimento di Lingue Classiche.

Per tutte le informazioni potete scrivere alla professoressa Biella, referente del progetto: elisabetta.biella@leonexiii.it

Bacheca Download