Novità al Liceo Classico dal prossimo anno

5 febbraio 2015

Il docente, in sintonia con la realtà dell’alunno, lo accoglie, lo incoraggia, lo accompagna secondo i suoi ritmi, reperisce strategie didattiche ed educative adatte alle sue necessità e ai suoi talenti personali: questa è la cura personalis (Dal documento Il nostro modo di procedere, dei Collegi dei Gesuiti d’Italia e di Albania, 2011).


Il Collegio dei Docenti dei Licei
, nella seduta del 4 febbraio 2015, ha deliberato le seguenti novità per il prossimo anno scolastico, rivolte in via sperimentale alla sola Classe Prima del Liceo Classico:


INGLESE CURRICOLARE PERSONALIZZATO

Nell’ottica della personalizzazione dello studio della lingua straniera, l’Inglese curricolare sarà insegnato su due distinti livelli al primo biennio, con ipotesi di prosecuzione al secondo biennio. La riunificazione del corso avverrebbe al quinto anno, in vista dell’Esame di Stato.

La suddivisione su due livelli, già presente nei primi quattro anni di corso del Liceo Scientifico per l’Inglese opzionale, sarà dunque estesa anche al Liceo Classico ma per l’Inglese curricolare. Oltre ad offrire un insegnamento della lingua straniera più in linea con le diverse competenze di partenza, la suddivisione del corso permetterà di sostenere – nei tempi opportuni – le prove delle certificazioni più adeguate al proprio livello di preparazione. I due corsi saranno formati all’inizio dell’anno scolastico a cura dei docenti di disciplina.


POMERIGGI DI STUDIO CON I DOCENTI

Venendo incontro alle necessità formative dei ragazzi e alle richieste delle famiglie, e cercando di dare nuova evidenza ad un principio ispiratore del nostro modo di fare scuola, la cura personalis, verranno proposti nel primo biennio, per la durata dell’anno scolastico, due pomeriggi settimanali facoltativi di studio, esercitazioni, consolidamento metodologico per tutti gli studenti della classe secondo il seguente schema:

  • 1° POMERIGGIO, ORE 14:30 – 16:30: LATINO/GRECO
  • 2° POMERIGGIO, ORE 14:30 – 16:30: MATEMATICA.

I giorni saranno precisati entro l’inizio dell’anno scolastico; si escludono fin d’ora il mercoledì, che già prevede una bella e consolidata esperienza di studio e di condivisione a scuola, e il venerdì.

I pomeriggi di studio saranno affidati a docenti di classe o di disciplina dell’Istituto, con il possibile coinvolgimento di studenti delle classi terminali del Liceo. 

La proposta, che non richiede costi aggiuntivi per le famiglie, vuole essere anche una risposta concreta alla questione delle “ripetizioni private”, onerose per le famiglie e spesso poco efficaci per gli studenti.

Bacheca Download