Viaggio delle Maturità in Russia

11 ottobre 2017

Dal 6 al 13 ottobre gli studenti delle classi di Maturità delle scuole italiane dei Gesuiti partecipano insieme al viaggio di fine ciclo a San Pietroburgo e Mosca.

Da sin. le proff. Cocuzza e Blandini

Da sin. le proff. Cocuzza e Blandini

La sintesi del programma di viaggio è affidata alle parole della prof.ssa Sara Blandini, che accompagna il gruppo del Leone XIII insieme ai proff. Claudio Cocchetto, Annamaria Cocuzza e Federica Gerra:

Eccoci qui quasi al termine di una visita di istruzione tanto attesa da alunni e professori: sette giorni tra San Pietroburgo e Mosca, due città assai diverse ma entrambe magnifiche.

A San Pietroburgo e dintorni abbiamo visitato la splendida residenza estiva della zarina Caterina, la cattedrale di Sant’ Isacco, la cattedrale del Salvatore sul Sangue Versato e abbiamo ammirato gli splendidi capolavori del celeberrimo museo dell’Hermitage.

L’ultimo giorno, il 9 ottobre, siamo rimasti ammirati dallo splendore del palazzo Yusupov, in cui è stato assassinato Rasputin. Nel pomeriggio abbiamo preso il treno per Mosca e durante il viaggio abbiamo potuto ammirare il suggestivo autunno dorato che caratterizza la sconfinata campagna russa. 

Amici

Amici

Mosca ci ha accolto con la sua maestosità e ci ha conquistato tutti: le visite al Cremlino, al Museo dell’Armeria, alla Piazza Rossa con la splendida cattedrale di San Basilio, l’incontro con il metropolita Hilarion, sono solo alcune delle bellissime esperienze che porteremo con noi di questa città dal traffico frenetico, dagli spazi infiniti e dalla sorprendente vivacità. 

Visiteremo infine l’antica città dell’Anello d’Oro, Sergiev Posad: siamo convinti sarà bellissima!

Ed ecco la parola degli studenti:

In questi giorni abbiamo avuto modo di scoprire la natura e parte della cultura e delle usanze russe, grazie anche alla guida esperta di persone che vivono a San Pietroburgo e Mosca. Le visite ai luoghi meno conosciuti e a quelli molto celebri come l’Hermitage, la Piazza Rossa e il Cremlino ci stanno permettendo di vivere la conclusione del liceo con un’esperienza irripetibile condivisa da noi di Milano e dai ragazzi delle scuole gesuite di Torino, Roma, Napoli, Palermo e MessinaDiego Vargas, V sc. B; Giulia Galli, V sc. C

Spalla contro spalla

Spalla contro spalla

Tra gioie, delusioni, conquiste e sconfitte sono passati quasi 5 anni. E giunti qui siamo piuttosto stanchi, perché gli ultimi mesi si rivelano essere anche i più difficili, i nostri sguardi sono già volti all’università e il liceo sembra l’ultima propaggine di una terra vecchia e logora. Fare questa gita ci ha permesso di ritrovarci, e ricordarci che questi ultimi passi li dobbiamo fare insieme, spalla contro spalla. Inoltre, grazie a guide esperte, abbiamo incontrato una cultura lontana da noi, soprattutto da un punto di vista religioso. Sarà tutto materiale per riflettere in vista dell’arrivo della maturità, e perché no, per decidere chi vogliamo essere. Sara Musto, V sc. A

Questo viaggio, l’ultimo in cui saremo tutti insieme come classe, ci ha permesso di conoscere una cultura nuova. Abbiamo potuto trovare elementi di differenza e di contatto evidenti soprattutto dal punto di vista architettonico: a San Pietroburgo abbiamo potuto visitare alcuni edifici che ci hanno ricordato lo stile europeo, mentre a Mosca ci hanno colpito molte costruzioni sovietiche. Al di là del lato prettamente storico e culturale, l’amicizia tra di noi è stata un elemento fondamentale. Tutte le relazioni, già molto strette, si sono rafforzate; come sempre in gita, passare tutto il giorno insieme è per certi versi impegnativo, ma è stata un’esperienza che ci ha unito definitivamente e che ha sancito l’inizio del cammino verso la fine del liceo.  Giulia Barbieri, V class.

L'amicizia riscalda!

L’amicizia riscalda!

Bacheca Download