CENA DI NATALE 2017

Cari genitori,
anche quest’anno avremo l’opportunità di scambiarci gli auguri durante la serata conviviale che ci attende. L’adesione alla cena è stata piacevolmente numerosa e pertanto vi chiediamo di osservare e rispettare alcune indicazioni necessarie per una buona organizzazione:

  • BAMBINI DELLA PRIMARIA: al termine della Celebrazione saranno presi in carico dagli assistenti che li porteranno a cenare in due salette riservate e successivamente li accompagneranno nelle palestre per l’intrattenimento. I bambini di 1° e 2° saranno nella palestra Crapanzano (3° piano) per una serata di animazione, mentre quelli di 3°, 4° e 5° nella palestra Bignami (piano terreno) per musica e balli di gruppo. Durante la serata i bambini saranno seguiti dagli assistenti oltre che da alcuni genitori volontari identificabili da un apposito badge e dovranno rimanere negli spazi indicati. Per motivi organizzativi si invitano le famiglie a recarsi nelle palestre solo al momento del ritiro per il rientro a casa e non prima (comunque entro le 22:00). I fratellini in età prescolare dovranno cenare con i genitori e solo successivamente potranno recarsi in palestra per l’animazione.
  • RAGAZZI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: ceneranno nell’atrio seminterrato della primaria e poi rimarranno nella vicina area ballo, con dj, luci e musica. Le bibite verranno servite da alcuni genitori volontari identificabili da un apposito badge. Per motivi organizzativi si invitano le famiglie a non recarsi nello spazio dedicato ai ragazzi ed a recuperarli aspettando nello slargo del corridoio vicino all’atrio seminterrato al momento del termine della festa, entro le ore 22:00.
  • LICEALI: ceneranno in mensa con gli adulti ed in seguito potranno recarsi al primo piano per uno spazio dedicato a loro con musica e dj.
  • GENITORI: ceneranno nei locali della mensa e recupereranno i loro figli solo al momento del rientro a casa.
  • GUARDAROBA: vi saranno due punti guardaroba custoditi e gestiti dai ragazzi della Compagnia del Perù. Consigliamo caldamente di utilizzare tale servizio, dato che in mensa non ci sarà spazio per i cappotti.

I bambini della primaria ed i ragazzi della secondaria di primo grado non accompagnati dai propri genitori devono necessariamente essere affidati ad un adulto partecipante da indicare alla propria rappresentante di settore tramite i rappresentanti di classe.

Si ricorda che gli spazi devono essere tassativamente liberati entro le 22:00 per poter riorganizzare i locali.

Grazie per la partecipazione e per la vostra collaborazione alla buona riuscita della serata.
A mercoledì,

Il presidente del Consiglio dei Genitori
Alessandra Bianchi

Concorso letterario Leggere il Novecento, III edizione

Davide Enia incontra Leonardo Sciascia

Torna con la terza edizione il concorso letterario Leggere il Novecento, rivolto agli studenti del Triennio degli Istituti di Istruzione Secondaria di II Grado statali e paritari della Lombardia. Un concorso che intende avvicinare i giovani alla migliore letteratura del XX secolo e alla più originale narrativa contemporanea.

Quest’anno il protagonista del concorso, lo scrittore Davide Enia, di cui si propone il romanzo autobiografico Appunti per un naufragio, ha suggerito la lettura del Giorno della civetta di Leonardo Sciascia, opera che ci offre una spietata riflessione sul rapporto fra essere umano e potere.

SCARICA IL BANDO

Iscrizioni entro il 16 gennaio 2018
Consegna lavori entro il 27 febbraio 2018
Premiazione e convegno il 27 marzo 2018 al Leone XIII

narrativa

Tra le caratteristiche delle studentesse e degli studenti ignaziani c’è “l’essere uomini e donne per gli altri”.

Nella Scuola Primaria del Leone XIII si inizia dall’essere bambini e bambine per gli altri, specialmente se quegli “altri” sono i bambini ricoverati in ospedale a Natale.

Così succede che i nostri alunni di Quarta, per Natale, si trasformano in piccoli Chris-Kindles, piccoli Babbo Natale segreti per i piccoli ospiti dell’Ospedale Niguarda di Milano.

Ed è così che la loro classe diventa una fabbrica di piccolissimi, grandi doni creati con le loro mani. Poco importa se le istruzioni della maestra: “colora, taglia, piega e incolla” diventano “colour-in, cut-out, fold and paste”, quando date dalla specialista madrelingua. Il risultato è lo stesso.

E, senza accorgersene, l’apprendimento del contenuto integrato alla lingua (Content and Language Integrated Learning) diventa un CLIL speciale, una esperienza di vita che non è più “solo” learning ma che nelle mani dei bambini diventa “living”. In quella magia tutta natalizia, l’acronimo CLIL acquista un nuovo valore e diventa Changing Learning Into Living… per gli altri.

Maestra Cristina Chiocchio
Scuola Primaria

 

ALLE FAMIGLIE E AGLI STUDENTI DEL V ANNO DEI LICEI
Gentili Famiglie, cari studenti,trovate in allegato una comunicazione relativa all’oggetto indicato e l’adesione previa che scade il 20/12.Spero in una viva partecipazione a questo momento forte del percorso scolastico dei ragazzi.

Di seguito trovate gli allegati: EESS 2018  Previa EESS

Un cordiale saluto

Prof. Vincenzo Sibillo
Coordinatore Didattico
Liceo Classico, Scientifico e Scientifico Sportivo 

Istituto Leone XIII
Via Leone XIII, 12 – 20145 Milano
Tel. 02 4385021 – Fax 02 48009979

Open day

Per chi non avesse potuto partecipare agli open day del Leone XIII, che si sono svolti nei mesi scorsi, c’è ancora la possibilità di conoscere le scuole dell’Istituto, l’offerta formativa e tutte le novità per il prossimo anno scolastico 2018/19, richiedendo un colloquio con i Presidi (o un loro collaboratore in relazione alle richieste pervenute):

M.o Calisto Rech, Coordinatore Didattico Scuola Primaria

Prof. Antonio Bertolotti, Coordinatore Didattico Scuola Secondaria di I Grado

Prof. Vincenzo Sibillo, Coordinatore Didattico Licei Classico, Scientifico e Scientifico Sportivo.

Gli incontri, individuali, si svolgeranno giovedì 14 dicembre, con orario prolungato 14:30 – 19.

Occorre prenotarsi, telefonando di mattina alla Segreteria della Scuola allo 02.4385021, entro il giorno precedente.

Vi aspettiamo!

Il 29 novembre le classi del secondo anno dei Licei del Leone XIII si sono collegate in diretta con i ricercatori della base italiana Mario Zucchelli che si trova sul Mare di Ross in Antartide.

I ricercatori in collegamento

I ricercatori in collegamento

Il collegamento è stato reso possibile grazie all’interessamento della dott.ssa Lucia Sala Simion, giornalista professionista e divulgatore scientifico, che ha introdotto la mattinata con una lezione sul continente di ghiaccio.

Federica, studentessa di II Liceo Scientifico, ci ha inviato un resoconto:

L’Antartide: un continente lontano, sconosciuto, di cui spesso dimentichiamo persino l’esistenza. Visto da tutti come una terra disabitata, pochi pensano che in questo preciso momento ci sono delle persone come noi, lì, a 40 gradi sotto zero.

Anch’io non l’avrei mai pensato, fino a che la mia scuola non ha organizzato per tutti gli studenti del secondo anno dei licei un incontro sull’argomento. 

Base italiana Mario Zucchelli in Antartide

Base italiana Mario Zucchelli in Antartide

La conferenza si è aperta con un’introduzione generale al continente da parte di una giornalista scientifica che ha lavorato alla base italiana Mario Zucchelli, in Antartide, e che ci ha illustrato in generale la storia, la geografia e la fauna nel continente.

In seguito, tramite una diretta Skype, ci è stata data la possibilità di parlare direttamente con i ricercatori presenti in questo momento alla base, ai quali abbiamo rivolto le nostre principali domande e curiosità.

Ci hanno risposto parlandoci delle loro ricerche, dei loro studi sugli animali del luogo: pinguini, foche e alcuni tipi di pesci; ci hanno raccontato dell’estrazione delle “carote” di ghiaccio, attraverso le quali possono ricostruire la composizione atmosferica di milioni di anni fa.

Un ricercatore nelle pinguinaie

Un ricercatore nelle pinguinaie

Sono intervenuti anche i medici presenti nella base per dare assistenza in caso di malattie del personale.

È stata un’esperienza davvero singolare potermi immedesimare, per qualche minuto, nella vita di questi ricercatori.

Una vita, come ci hanno spiegato, difficile: difficile stare per mesi lontani da casa, in una terra isolata e completamente disabitata.

Una vita stressante anche dal punto di vista psicologico, per la mancanza dell’alternanza tra notte e giorno e per le temperature difficilmente sopportabili per un essere umano.

Tuttavia, alla fine dell’incontro, tutti noi abbiamo avuto l’impressione che, nonostante le difficoltà, queste vite siano anche piene di soddisfazioni, perché vissute con passione. 

Federica Antoniazzi
II Liceo Scientifico

SCUOLA APERTA

Partecipate ad una mattinata di scuola al Leone XIII! Conoscerete studenti e docenti, assisterete alle lezioni in aula, in palestra o nei laboratori. Vi aspettiamo!

SECONDARIA DI I GRADO

La Scuola Secondaria di I Grado del Leone XIII organizza alcune mattinate di “SCUOLA APERTA” dedicate a ragazze e ragazzi di Quinta Primaria di altre scuole che fossero interessati a conoscere la nostra proposta formativa.

Tali mattinate prevedono

  • un incontro con il Coordinatore Didattico alle ore 08:30, con presentazione della scuola;
  • quattro ore di lezione, dalle 08:55 alle 12:40, in classi Prime.

A novembre si sono svolte già due mattinate. Vista la grande richiesta abbiamo aggiunto un’ulteriore data:

  • LUNEDÌ 11 DICEMBRE

Per prenotare la propria partecipazione è necessario scaricare QUESTO MODULO e, dopo averlo compilato in ogni sua parte, spedirlo via mail (all’indirizzo segreteria@leonexiii.it ) oppure via fax (allo 02 48009979) o consegnarlo a mano, almeno tre giorni prima della data prescelta, all’attenzione della signora Valentina Malvasio della Segreteria Didattica.

Dal 29 novembre al 1 dicembre una delegazione di studenti di Terza Media e di Prima Liceo Scientifico e Scientifico Sportivo del Leone XIII ha partecipato a Diamo i numeri … e non soloprogetto di eccellenza di Matematica giunto alla settima edizione.

Lavori di gruppo

Lavori di gruppo

Le attività si sono svolte presso Villa Belvedere a Gressoney St. Jean, insieme ad alcuni coetanei dell’Istituto Sociale di Torino.

Questi i Leoniani invitati a partecipare:

SCUOLA MEDIA

Giuseppe Gagliardi, Cecilia Merloni, Ludovico Monacelli, Pietro Polizzi, Federico Portunato, Matilde Prada, Rebecca Sansilvestri, Chiara Tagliapietra, Vittorio Vitiello, William Zeng.

LICEI

Luigi Catapano, Jacopo Cerasani, Carola Cipelletti, Arianna Cornaggia, Lorenzo Macellari, Matilde Mocciaro, Ludovico Pino, Federico Priori, Beatrice Sanna.

Il gruppo milanese era coordinato dalla prof.ssa Alessandra Fusetto, della Secondaria di I Grado. A Gressoney  hanno condotto le attività il prof. Paolo Ferrario, della Scuola Media, la prof.ssa Miriam Lafiandra, dei Licei, e l’educatrice Alessandra Di Niro, che ha curato i tempi di riflessione e preghiera.

Fin dal primo momento gli studenti hanno partecipato alle attività con impegno ed entusiasmo, dimostrando non solo passione per la Matematica, ma anche il desiderio di collaborare e confrontarsi.Ecco i commenti dei protagonisti:

È stato divertente, abbiamo imparato molte cose nuove sulla Matematica e abbiamo conosciuto persone intelligenti e simpatiche. […] Ci è dispiaciuto andarcene, perché abbiamo passato bellissime giornate insieme a persone interessanti!  Chiara Tagliapietra e Cecilia Merloni

Prova di geometria

Prova di geometria

È stata una bella esperienza, istruttiva e formativa. Attraverso questo progetto abbiamo avuto anche la possibilità di entrare in contatto con nuove persone e creare nuovi legami. Abbiamo approfondito le nostre conoscenze matematiche attraverso attività di gruppo riguardanti la logica. Auguriamo a tutti la possibilità di partecipare a questa iniziativa. Carola Cipelletti e Beatrice Sanna

È stata un’esperienza che mi ha arricchito sia dal punto di vista delle amicizie che della matematico. Mi piacerebbe ripeterla perché è stata la prima volta in cui ho sperimentato qualcosa del genere. Federico Priori

Una possibilità di mettere alla prova le proprie capacità logico-matematiche, anche divertendosi, e collaborare con altri, stringendo nuove amicizie. Personalmente mi ha dato molta soddisfazione riuscire a risolvere i vari quesiti. Ringrazio specialmente i professori che ci hanno accompagnato e seguito e i membri del mio gruppo con i quali ho affrontato le attività matematiche, condividendo i ragionamenti, i pareri e scherzando. Federico Portunato

È stata un’esperienza stimolante e produttiva che ci ha permesso di migliorare e di conoscere persone di città ed età differenti con un interesse in comune. Se avessimo l’occasione rifaremmo volentieri quest’esperienza. Arianna Cornaggia e Matilde Mocciaro

Sono stati tre giorni molto belli, intensi, interessanti… ho conosciuto nuove persone ed ho approfondito le amicizie. Abbiamo partecipato a varie attività e sono riuscito ad aumentare la mia passione per la Matematica, capendo che può essere anche un’occasione di divertimento. Insomma un’esperienza importante, tutti ci siamo messi in gioco e nei lavori di gruppo ognuno ha dato il massimo. Pietro Polizzi

Prof.ssa Miriam Lafiandra
Scuola Secondaria di Secondo Grado

Il 24 e il 25 novembre un gruppo di venti studenti del Triennio dei Licei del Leone XIII ha partecipato ad una seduta di formazione sui temi dell’Unione Europea.

Questi gli obiettivi dell’iniziativa: far conoscere agli studenti le tappe che hanno portato alla nascita e alla costruzione dell’Europale istituzioni europee; l’apporto che l’UE dà in termini di difesa dei diritti; le opportunità che l’UE offre ai giovani.

I 20 studenti sono stati raggruppati in 5 gruppi che hanno lavorato insieme per le due giornate.Il progetto, voluto dalla Rappresentanza Regionale a Milano della Commissione Europea, è stato condotto da due esperti formatori, la dott.ssa Loredana Caruso e il dottor Piergiorgio Grossi.

Federica, una studentessa che ha partecipato ai lavori, ci ha inviato un breve resoconto:

La bandiera dell'Europa

La bandiera dell’Europa

Il 24 e il 25 novembre con altri studenti del Triennio abbiamo preso parte al progetto della Commissione Europea “L’Europa per i giovani”. Lo stage aveva lo scopo di approfondire le nostre conoscenze su tutto ciò che riguarda l’Unione Europea, come e perché è nata, le sue funzionalità e le opportunità che oggi l’Europa offre ai giovani.

Le lezioni affrontate non sono state frontali ma svolte in modo dinamico: siamo stati divisi in gruppi e ciascun componente aveva un determinato compito. Così distribuivamo equamente il lavoro sfruttando il gioco di squadra.

Nella prima sessione di lezione i formatori ci hanno assegnato un mini test per capire le nostre conoscenze su tutto ciò che riguardasse l’Unione Europea. In seguito hanno tenuto una lezione proprio sugli argomenti del test, in modo tale che noi stessi potessimo verificare le nostre risposte.

I temi trattati sono stati molti, sia contemporanei che storici, come ad esempio la nascita dell’UE, gli stati membri, la moneta.

Al termine del progetto ciascun gruppo ha presentato un video in cui spiegava la propria visione sul tema del voto delle prossime elezioni europee (2019). In seguito siamo stati premiati secondo varie categorie: il gruppo che aveva realizzato il video migliore, il nome più originale del gruppo e chi aveva svolto un team-working più proficuo durante tutto il corso.

Personalmente ho trovato questo progetto molto interessante, sia dal punto di vista formativo, in quanto ho potuto lavorare su alcune soft-skills fondamentali per il mondo del lavoro, sia da quello metodologico, poiché ho avuto la possibilità di collaborare con studenti della mia scuola che prima non conoscevo.

Federica Griziotti
Terza Liceo Scientifico A

Il 22 novembre gli alunni delle classi V della Scuola Primaria si sono recati al Conservatorio di Milano per partecipare alla “Giornata della Virtù Civile”, organizzata dall’ Associazione Civile Giorgio Ambrosoli.

Quest’anno, mentre i nostri studenti della Secondaria di Primo Grado preparavano un gioco in memoria del Cardinale Martini per il quale avrebbero ottenuto un premio speciale, i ragazzini della Scuola Primaria erano invitati a prendere parte al gioco della “Città infinita”, sotto la direzione dell’architetto Mao Fusina.

La Città infinita in costruzione

La Città infinita in costruzione

Nella sala del coro del Conservatorio gli alunni hanno costruito una città usando materiali provenienti da scarti aziendali, prevalentemente legno, realizzando le proprie abitazioni e poi creando strade e servizi.

Durante il lavoro gli alunni hanno tenuto presente le esigenze di tutti i cittadini, specialmente degli individui con qualche difficoltà, per esempio ipovedenti o persone con problemi motori.

Così hanno costruito un planetario che descrive in braille la descrizione dei pianeti, un teatro simile al Colosseo, abitazioni, torri, musei, alberghi, chiese, strade, una moschea, una nave, tutti senza barriere architettoniche. La vista della città dall’alto ha riempito tutti di soddisfazione e orgoglio per il lavoro svolto.

Maestra Letizia Cova
Scuola Primaria

Pagina successiva »

Bacheca Download