26 gennaio 2017

AGLI ALUNNI DEI LICEI E ALLE LORO FAMIGLIE
p.c. AI DOCENTI DEI LICEI

Prot. 65 A/3

Cari ragazzi,

sabato prossimo, 28 gennaio, si svolgerà al Leone XIII la nuova edizione di Tablet School (http://studenti.imparadigitale.it/tablet-school-milano/). Interverranno più di 900 persone tra studenti e docenti provenienti da varie parti d’Italia.

In tutte le classi dei Licei sono previste lezioni e workshop; siete pertanto pregati di svuotare i sotto banchi entro venerdì 27 alle ore 14:00. L’Istituto Leone XIII non risponderà di eventuali materiali lasciati a scuola e non ritrovati.

I banchi delle aule saranno posizionati contro i muri perimetrali dell’aula e poi risistemati alla fine dell’evento. Qualche banco potrebbe non risultare perfettamente nella stessa posizione lunedì mattina. Scusate per l’eventuale disagio.

A chi volesse partecipare all’iniziativa e non si fosse ancora iscritto ricordo di mandare una mail al più presto afrancesca.argenti@leonexiii.it

Grazie per l’attenzione

 

Prof.ssa Francesca Argenti                                                     Prof. Vincenzo Sibillo
Referente per la didattica con la tecnologia                        Coordinatore Didattico

 

Istituto Leone XIII
Via Leone XIII, 12 – 20145 Milano
Tel. 02 4385021 – Fax 02 48009979

Le casse fragili di Casari per non dimenticare

26 gennaio 2017

Unitamente alle altre iniziative che accompagneranno la celebrazione del Giorno della Memoria, quest’anno il nostro Istituto è onorato di ospitare un particolare dall’opera FRAGILE (2006-2017) dell’artista Davide Casari.

L’opera sarà presente nel corridoio di ingresso da martedì 24 sino a venerdì 27 gennaio e sarà accompagnata, nelle teche presenti nel corridoio della Sala scrutini, da altri materiali elaborati dall’artista. Spiccano tra essi l’opera BIO-GRAFIA (2016); un estratto dal modello dell’opera FRAGILE e la prima copia pervenuta a Casari di Se questo è un uomo, dall’artista quotidianamente ripercorsa in questi anni.

Le casse di Casari

Le casse di Casari

Da qualche anno a questa parte – e “clamorosamente” dal gennaio 2014, data di pubblicazione del famoso pamphlet di Elena Loewenthal, Contro il giorno della memoria – un largo dibattito ha investito il momento istituzionale del Giorno della Memoria, mettendone in discussione il senso ultimo, interrogandosi sull’ “utilità” di questa ricorrenza, sulla sua capacità o incapacità di trasmettere un messaggio, o, peggio, sulla “eterogenesi dei fini” che essa sembra, del tutto involontariamente, generare: effetti di segno opposto rispetto a quelli per cui fu pensata ormai quindici anni fa…

Tra questi anzitutto un malcelato senso di “estraneità”, di “noia”, di “saturazione” – se non di aperto rifiuto – che ormai avvertiamo serpeggiare, in particolare tra i giovani, ogni anno sempre più all’approssimarsi di questa celebrazione.

«Cosa c’entro io?!», «Perché ogni anno questa cosa della Giornata della Memoria?!» – sono domande che risuonano, dolorose, nelle scuole di tutta Italia.

Sono domande che ci feriscono, provenendo a volte anche dai più “aperti”, dai più bisognosi di capire, dei nostri ragazzi.

Sono domande scomode, e che proprio per questo non possiamo ignorare.

Non lo possiamo perché, spesso, sono domande sincere. Nella loro sincerità – un sintomo, non una causa – esse si contrappongono a qualcosa che non lo è.

È la memoria infatti a non essere sincera.

Il nostro fare – di noi adulti, di noi comunità educante – del “Giorno della Memoria” un momento estemporaneo, un appuntamento sempre più stanco, sterilizzato dentro il rigido perimetro di una casella a (s-)cadenza annuale.

E ricominciare il giorno dopo tutto daccapo, tutto uguale.

I ragazzi lo avvertono, questo suono fesso, questa sorda risonanza di fondo. E forse lo avvertiamo anche noi – il noi disseminato nelle istituzioni, nelle aule consigliari, nei cortei celebrativi…

Proprio per questo anzi – verrebbe da pensare seguendo l’analisi della Loewenthal – spingiamo forte sul tasto della spettacolarizzazione, su una «esuberanza di proposte e novità», su quell’«ansia di industriarsi» a mettere in scena ogni anno qualcosa di nuovo, di eclatante, di spettacolare, per il “Giorno della Memoria”.

Ma il passo incerto, invece che celarsi, si enfatizza nella sua corsa; e la cartapesta dei “magnifici apparati” che con febbrile impegno costruiamo ogni anno, svela, invece che nasconderla, la miseria retrostante…

Che fare dunque? Come invertire questa rotta? Cancellare il Giorno della Memoria dal calendario – come auspica la scrittrice torinese – o raccogliere questa suo grido come una invocazione di aiuto, e rintracciare, volgendole in possibilità, alcune delle riflessioni che pure ella nella sua analisi ci indica?

La quotidianità, anzitutto. Un lavoro educativo costante, giorno dopo giorno, indirizzato all’altro, all’apertura verso l’altro, al rispetto per l’uomo in quanto tale, a quella “specie umana” tutta a cui Antelme, deportato a Buchenwald, volle intitolare nel 1947 il suo libro. All’uomo in quanto “persona”.

Un lavoro pudico, “intimo”, rispettoso. Ma in questo radicale, rigoroso, sempre presente, sempre accogliente…

Per questo si è scelto quest’anno, in occasione del Giorno della Memoria, di esporre nel nostro Istituto un particolare dall’opera “FRAGILE” (2006-2017) dell’artista Davide Casari.

Non solo per la pertinenza del testo di cui questa opera si nutre, costantemente e quotidianamente, ormai da più di dieci anni: il testo di “Se questo è un uomo”, di cui le “casse” (urne, sacrari) di Casari, sono istoriate.

Ma anche per la “cura” verso l’uomo che esse esprimono, una pietas per quella “umanità fragile” – schiacciata e straziata: scartata ancora acerba – che fu tradotta nei campi di sterminio e che ancora oggi si trova a morire nei nostri mari, sulle nostre coste…

Una cura pudica, rispettosa – ad esempio, nella scelta di Casari di non mostrare pubblicamente quanto nelle casse contenuto; e ancora, nella scelta di rendere il testo di Levi, lì in aggetto, non pienamente leggibile. La scelta di una meditazione che si nutre di silenzio, e viceversa.

È un lavoro sulla memoria, dunque, quello che presentiamo in questi giorni al Leone: una memoria sincera, la stessa percorsa da Christian Boltanski, a cui il lavoro di Casari, per intensità artistica e profondità etica, può essere facilmente accomunato.

È un esempio: l’esempio che questo artista, con la sua meditazione senza sosta e senza sconti, con il suo “rigore” – un termine, questo, caro anche a Primo Levi – ci offre, assonante, nel nostro modo di procedere quotidiano.

È un lavoro che dedichiamo, assieme al nostro lavoro quotidiano, ai nostri ragazzi, affinché arrivi loro il messaggio che Auschwitz è stato un buco nero unico nella sua indicibilità, ma che pure lo sterminio e lo sfruttamento dell’uomo ancora accade.

Lo chiediamo a loro, ai loro sensi acuti, alla loro voglia di verità, ancora una volta con le parole di Levi:

Non spaventarti se il lavoro è molto:
C’è bisogno di te che sei meno stanco.
Poiché hai sensi fini, senti
Come sotto i tuoi piedi suona cavo

Lorenzo Pellegrinelli
Bibliotecario e curatore dell’esposizione

Tablet School – Meeting nazionale scuola digitale

24 gennaio 2017

A TUTTE LE FAMIGLIE DELL’ISTITUTO LEONE XIII

Prot. 53 A/3

Gentili Famiglie,

vi ricordiamo che sabato 28 gennaio il nostro Istituto ospiterà Tablet School, Meeting nazionale sulla scuola digitale, rivolto a docenti, studenti e genitori, a cui hanno già aderito più di mille partecipanti provenienti da tutta Italia.

L’evento dura tutta la giornata ed è strutturato in due parti: al mattino si svolgeranno i workshop su vari temi relativi alla didattica con la tecnologia, nel pomeriggio (facoltativo) si svolge un hakaton sull’innovazione didattica.

Una volta iscritti all’evento, si possono frequentare liberamente i laboratori proposti.

Vi alleghiamo pertanto una selezione dei workshop di interesse per i genitori, suddivisi a seconda del plesso di appartenenza (Primaria, Secondaria di I Grado e Secondaria di II Grado). Per consultare l’elenco completo e per iscriversi all’evento seguite le istruzioni al link http://www.imparadigitale.it/eventi/tablet-school-milano-2017-2/.

Per motivi organizzativi, vi chiediamo la cortesia, una volta iscritti, di comunicare la vostra adesione anche via mail a francesca.argenti@leonexiii.it.

Vi aspettiamo!

 

Di seguito trovate gli allegati: WORKSHOP PRIMARIA  WORKSHOP SECONDARIA DI I GRADO  WORKSHOP LICEI

 

Il Direttore Generale                       La Presidente del Consiglio dei Genitori

Prof.ssa Gabriella Tona                                   Alessandra Bianchi

GIORNATA DELLA MEMORIA 2017

23 gennaio 2017

A TUTTE LE FAMIGLIE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Prot. 51 A/3

 

Gentili Famiglie,

come sapete, il prossimo VENERDI 27 GENNAIO si celebra la “Giornata della memoria” in onore delle vittime dell’Olocausto. Sulla base di quanto fatto gli scorsi anni, la Scuola Secondaria di I Grado riproporrà l’esperienza di un cineforum a tema per tutte le classi della scuola, secondo lo schema che vi illustro di seguito; il programma è stato elaborato su proposta del prof. Luca Diliberto, cui va il nostro sincero ringraziamento.

 

I e II ora Momento di Preghiera

LEZIONE REGOLARE

III ora INTRO CINEFORUM CLASSI PRIME

Introduzione a cura del prof. DILIBERTO

Tutte le classi in Sala Martini. Visione film “L’isola in Via degli Uccelli”

 

CLASSI SECONDE

Introduzione a cura del prof. DAMBROSIO

Tutte le classi in Auditorium. Visione film “Mi ricordo Anna Frank”

 

CLASSI TERZE

Introduzione a cura della prof. G. DE VECCHI

Tutte le classi in Aula Multifunzionale. Visione film “Vento di Primavera”

    Intervallo
IV e V ora VISIONE FILM
VI ora DIBATTITO Ciascuna classe nella propria aula
    Pranzo e intervallo
VII e VIII ora LEZIONE REGOLARE

 

All’inizio della giornata, ci sarà un momento di preghiera comune per tutto l’Istituto, cui verranno collegate alcune azioni simboliche (come la posa di una “pietra d’inciampo” davanti ad ogni aula della Secondaria di I Grado, secondo una tradizione europea sbarcata quest’anno anche a Milano).

Quella del 27 gennaio è una ricorrenza cui attribuiamo particolare importanza; ci auguriamo che quanto organizzato possa anche coinvolgere nel modo giusto i nostri ragazzi, che verranno accompagnati e guidati nella comprensione dei fatti della storia, che con tanta drammaticità hanno segnato le vicende dell’umanità.

 

Certo della Vostra attenzione, invio i miei migliori saluti.

 

Il Coordinatore Didattico
Prof. Antonio Bertolotti

Tablet School e la scuola del futuro

22 gennaio 2017

Sabato 28 gennaio dalle 9 alle 16 il Leone XIII ospita per il terzo anno di fila TABLET SCHOOL, Meeting Nazionale sulla scuola digitale, ideato e organizzato da Imparadigitale e rivolto a dirigenti, docenti, studenti e famiglie, cittadini interessati al cambiamento.

È importante esserci per dare il proprio contribuito a un dibattito di vasto interesse nel quale il Leone ha sempre dimostrato sul campo una grande passione educativa, con molteplici progetti in ambito tecnologico che fanno ormai parte della nostra offerta formativa: dal coding, ai gemellaggi virtuali con scuole europee ed extra-europee della nostra rete mondiale, all’uso del tablet nella didattica.

Altrettanto importante sarà la nostra presenza per accogliere nei nostri spazi i numerosi ospiti – già oltre 1000 iscritti! – che spesso mostrano grande curiosità per la nostra scuola e per la nostra proposta educativa.

TABLET SCHOOL 28 1 17Cos’è un TABLET SCHOOL più nello specifico? Come si legge sul sito di Imparadigitale, “I Tablet School sono manifestazioni periodiche, organizzate in diversi istituti scolastici italiani, che si pongono come obiettivo la promozione e la diffusione dell’idea di cambiamento della scuola tramite metodologie didattiche innovative e l’uso delle tecnologie. Durante i Tablet School si svolgono laboratori in cui vengono simulate lezioni svolte da docenti con l’uso delle tecnologie.”

È sufficiente iscriversi alla giornata per accedere gratuitamente a tutti i contenuti proposti.

Durante la mattina si svolgeranno 27 laboratori didattici che tratteranno tematiche trasversali o disciplinari, indirizzate ai diversi ordini di scuola, dalla Primaria ai Licei, che si ripeteranno per tre turni.

Questi laboratori possono riguardare specifiche metodologie didattiche (dalla didattica STEM alla “Classe scomposta”, al Curriculum Mapping),  applicazioni della tecnologia alla didattica, media education (web reputation, sicurezza e privacy in rete), fino a veri e propri progetti di didattica per competenze applicata alle diverse discipline.

La qualità e l’attualità dei contenuti proposti è tale da valere, per tutti i docenti che vi partecipano, come aggiornamento professionale.

Tra i workshop proposti, due grandi novità:

  • Creare il cambiamento – workshop di 3 ore destinato ai Dirigenti Scolastici sugli aspetti organizzativo/metodologici dell’innovazione
  • Perché la scuola deve cambiare? – Workshop dedicato ai genitori

Nel pomeriggio chi lo desidera (viene richiesto nel modulo di iscrizione) potrà partecipare all’hackathon “Progettiamo la Scuola del futuro”: si tratta di una “gara” tra gruppi eterogenei, di massimo 8 persone, a cui verrà comunicato un obiettivo specifico da raggiungere in un tempo massimo di 4 ore, pertinente alla macro-tematica “progettiamo la scuola del futuro”.

A conclusione di ogni hackathon, tutti i progetti realizzati verranno caricati su una piattaforma e resi pubblici. Il progetto più votato e giudicato migliore dal comitato scientifico di ImparaDigitale sarà presentato agli Stati Generali della Scuola Digitale che si terrà a maggio 2017 a Bergamo.

Vi aspettiamo numerosi!

Prof.ssa Francesca Argenti
Referente nazionale per la didattica con la tecnologia

Visita al Tribunale di Milano

20 gennaio 2017

A TUTTE LE FAMIGLIE DELLE CLASSI TERZE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Prot. 44 A/3

 

Gentili genitori,

nell’ambito del percorso di educazione alla legalità,  il prossimo LUNEDI 30 GENNAIO si effettuerà la visita al Palazzo di Giustizia di tutte le classi TERZE.

Tale visita si inserisce all’interno del Progetto Legalità organizzato dall’Ordine degli Avvocati di Milano, e avrà un seguito all’interno della settimana REP con una lezione di due ore tenuta da un pool di specialisti, composto da un Magistrato e due Avvocati specificamente formati dall’Ordine.

Nel corso della visita al Tribunale, oltre alla conoscenza dell’edificio, i ragazzi verranno introdotti all’iter della giustizia e avranno l’opportunità di assistere ad una parte di una udienza.

 

La visita si svolgerà secondo il seguente calendario:

 

Ore 08:05 Tutte le classi Ingresso e appello  
Ore 08:15 TERZA A + TERZA E Uscita dalla Portineria Centrale

Trasferimento con il tram n. 27 a Palazzo di Giustizia

Accompagnatori Proff. POLETTI BODEGA ALIPRANDI PIZZUL
Ore 11:00 TERZA B + TERZA C + TERZA D Uscita dalla Portineria Centrale

Trasferimento con il tram n. 27 a Palazzo di Giustizia

Accompagnatori Proff. BAGLIANI FUSETTO DAMBROSIO RIZZATO G.DE VECCHI
Ore 11:00 TERZA A + TERZA E Rientro al Leone con tram n. 27

In classe probabilmente a partire alla quinta ora

 
Ore 13:00 TERZA B + TERZA C + TERZA D Rientro al Leone con tram n. 27

In mensa probabilmente intorno alle 13:40

 

 

Per il trasferimento, è necessario che ciascuno studente abbia con sé DUE BIGLIETTI ATM.

 

Certo della Vostra attenzione, invio i miei migliori saluti.

 

Il Coordinatore Didattico
Prof. Antonio Bertolotti

Rally Matematico Transalpino

20 gennaio 2017

A TUTTE LE FAMIGLIE DELLE CLASSI PRIMA sez B, SECONDE sezz A e B, e TERZA sez E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Prot. 46 A/3

Gentili Famiglie,

il prossimo MARTEDI 31 GENNAIO alla SECONDA ORA le classi frequentate dai vostri ragazzi parteciperanno alla nuova edizione del RALLY MATEMATICO TRANSALPINO, cui il Leone XIII partecipa per la seconda volta.

Si tratta di un concorso transnazionale di matematica che coinvolge diverse nazioni a cavallo della catena alpina (Francia, Italia, Svizzera, ecc.). Il concorso è promosso dal Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università degli Studi di Parma, in collaborazione con l’Association Rallye Mathematique Transalpin, ed è giunta ormai alla sua XXV edizione (http://www.armtint.org/comitato-di-gestione).

Il Leone è coinvolto con alcune classi della Scuola Primaria, quattro della Scuola Secondaria di primo grado e anche alcune classi del Biennio dello Scientifico.

Tale concorso possiede specificità interessanti che invitano anche ad una riflessione sulla metodologia didattica e sui contenuti che vengono trasmessi.

La valutazione, ad esempio, non avviene per singoli alunni, ma per classe, ad ognuna delle quali vengono proposti 7 problemi da risolvere in piccoli gruppi; la formazione dei gruppi deve essere gestita autonomamente dai ragazzi stessi, con una semplice supervisione esterna degli insegnanti.

Ogni gruppo può risolvere un numero qualsiasi di problemi tra quelli proposti: toccherà poi al Docente referente selezionare e inviare al Comitato di valutazione una sola risoluzione per ciascun problema, quella che ritiene più corretta e meglio articolata.

 

Il Rally prevede due prove obbligatorie: alla prima di gennaio ne seguirà una seconda, probabilmente a marzo. E’ prevista una eventuale finale cui si accede in base alla somma dei punteggi delle due prove obbligatorie.

Certo della vostra attenzione, invio i miei migliori saluti.

 

Il Coordinatore Didattico
Prof. Antonio Bertolotti

18 gennaio 2017

ALLE FAMIGLIE E AGLI STUDENTI DELLE CLASSI I E II DEI LICEI CLASSICO, SCIENTIFICO E SC. SPORTIVO
p.c. AI DOCENTI DELLE CLASSI

Prot. 37 A/3

Gentili Famiglie, cari ragazzi,

tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio verrà svolto un controllo degli iPad di ciascuno studente, ed in particolare dell’utilizzo dell’app GoodNotes, installata dall’Istituto per l’archiviazione delle risorse didattiche e delle verifiche scritte.

Ricordo a tutti gli studenti che l’app deve essere così strutturata:
Categoria Master: DIDATTICA
Sottocategorie: le discipline  (es. ITALIANO, LATINO, INGLESE, MATEMATICA…)
Per ogni disciplina, i taccuini richiesti dall’insegnante e l’archivio verifiche di quella disciplina.

 

A titolo di esempio:
Categoria Master: DIDATTICA
Sottocategoria: ITALIANO
Taccuini: EPICA, ANTOLOGIA, GRAMMATICA, ARCHIVIO VERIFICHE

Di seguito il calendario del controllo iPad per ciascuna classe:

 

CLASSE DATA ORA DOCENTE
1 Classico Martedì 31 gennaio IV Prof.ssa Sartori
2 Classico Lunedì 30 gennaio III Prof.ssa Cocuzza
1 Sc A Martedì 31 gennaio V Prof.ssa Bezzera
1 Sc B Martedì 31 gennaio III Prof.ssa Sartori
1 Sc C Mercoledì 1 febbraio IV Prof.ssa Sartori
1 Sportivo Martedì 31 gennaio VI Prof.ssa Brun
2 Sc A Mercoledì 8 febbraio II Prof.ssa Brun
2 Sc B Martedì 7 febbraio IV Prof. Caprioli
2 Sc C Lunedì 6 febbraio III Prof.ssa Focaroli
2 Sportivo Martedì 7 febbraio III Prof. Popa

 

Chiediamo a tutti gli studenti di preparare in modo adeguato i propri iPad, secondo le indicazioni date durante la formazione e riportate nella presente comunicazione.

Vi ringraziamo

Prof.ssa Francesca Argenti
Prof. Christian Devaux

 

Istituto Leone XIII
Via Leone XIII, 12 – 20145 Milano
Tel. 02 4385021 – Fax 02 48009979

Incontro per progetto estivo

18 gennaio 2017

ALLE FAMIGLIE E AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIME E SECONDE DEI LICEI CLASSICO, SCIENTIFICO E SC. SPORTIVO

Prot. 35 A/3

Gentili Famiglie,

anche se ​l’estate è ancora piuttosto lontana, il Leone sta approntando il programma di proposte estive all’estero per le studentesse e gli studenti che desiderassero trascorrere un periodo di vacanza studio per migliorare la conoscenza della lingua inglese​, ampliando i propri orizzonti geografici e relazionali.​

​Il programma completo sarà reso noto più avanti, ma nel frattempo abbiamo la possibilità di incontrare Mrs Victoria McAllister, ​r​esponsabile​ delle relazioni esterne​  del nostro collegio inglese Mount St Mary​’s​ di Spinkhill, nel Derbyshire, che è già stata da noi lo scorso anno per avviare i programmi di scambio e integration tra i nostri Istituti.

Mrs McAllister sarà al Leone giovedì 2 febbraio alle ore 18.00 per incontrarvi e presentare il suo Istituto e le attività che insieme abbiamo progettato.

Il prof. Paolo Tenconi, Coordinatore dei progetti internazionali, rimane a Vostra disposizione per ogni possibile chiarimento all’indirizzo email paolo.tenconi@leonexiii.it o al numero di telefono 335 6869001.

Vi aspettiamo numerosi, sono invitati anche gli studenti.

​Prof. Paolo Tenconi, Coordinatore dei Progetti
Prof. Vincenzo Sibillo​, Coordinatore Didattico

 

Istituto Leone XIII
Via Leone XIII, 12 – 20145 Milano
Tel. 02 4385021 – Fax 02 48009979

La magia della Luna

18 gennaio 2017

Lunedì 16 gennaio la serata tanto attesa… è arrivata!

Sul grande palco del Teatro della Luna gli studenti del Liceo (e non solo), si sono esibiti in un appassionante spettacolo musicale per la regia della  bravissima Federica Bonatti – che ha raccolto gli applausi del numeroso pubblico presente in sala (circa 1300 persone!).

E-ora...-alla-LunaIl frizzante adattamento del noto musical Grease ha estratto dai ragazzi tutte le energie e la passione di cui sono capaci, contagiando la platea in un crescendo di emozioni impossibili da dimenticare.

Due ore sole, un concentrato di vero spettacolo, frutto però di mesi di lavoro, di prove, ritocchi… incastri con i compiti, gli impegni… Di preoccupazioni organizzative, di necessarie richieste di aiuti e collaborazioni…

Ce l’hanno fatta e alla grande… bravi ragazzi! Bravi Professori, che li avete aiutati! Genitori… senza di Voi sarebbe stato impossibile arrivare fin lassù…

L’incasso della serata è destinato alla ricostruzione delle scuole nelle zone colpite dal terremoto e così la Luna è davvero bella!

Ringraziare tutti quelli che hanno contribuito alla riuscita dell’evento non è facile… sono tantissimi! Diciamo allora di cuore GRAZIE A TUTTI!

Un particolare riconoscimento è doveroso alla famiglia Cabassi, a papà Guglielmi e… alla nostra amatissima direttrice artistica, la prof.ssa Alessandra Bevilacqua!

Pagina successiva »

Bacheca Download