Dalla Cina con… stupore

29 ottobre 2014

Riceviamo da Pechino e pubblichiamo il primo messaggio dei maturandi delle scuole italiane dei Gesuiti impegnati nel viaggio di fine ciclo in Cina, che si svolge dal 28 ottobre al 5 novembre:

Perché scrivere questo articolo quando sono le 23:56 (ora locale), dopo aver trascorso 48 ore quasi senza dormire ?

242 studenti, 16 professori, più di 9000 km percorsi, cosa aspettarsi?

Pechino, Tempio del Cielo

Pechino, Tempio del Cielo

Si parte con informazioni limitate, tante speranze, tanti dubbi e pregiudizi, e sotto sotto una buona dose di curiosità.

La nostra pazienza e buona volontà vengono messe alla prova da tempistiche di viaggio non comuni, che molti di noi affrontano per la prima volta.

Il primo trauma si ha con il contatto con la gente, che fatica a comprenderci per l’inglese diffuso a malapena e per la naturale diffidenza che emerge nell’affrontare il diverso; senza contare il confronto con una tradizione culinaria che non assomiglia in alcun modo alla nostra esperienza gustativa…

Sotto un cielo ovattato, ci si immagina di trovare un’unica bolgia di vetture e anime, pronta ad inghiottirci nella sua frenesia; e invece, una volta usciti dall’aeroporto… ci avvolge il fragoroso silenzio di 20 milioni di anime.

Il Tempio del Cielo, prima tappa in questo tour pechinese, ci lascia senza fiato, anche se la stanchezza gioca un ruolo non indifferente.

La motivazione che ci spinge a scrivere tutto ciò è fissare lo stupore che questa esperienza susciterà in noi.

Firmato: la redazione cinese volante del primo giorno, Carla Failla, Federico Rosa, Riccardo Rubis Passoni, Massimo Sanguedolce, Giacinto Boccio, Fabio Pellona

Bacheca Download