Carnevale per tre Collegi a Gressoney

24 febbraio 2015

Milano – Palermo – Messina insieme, una settimana. Quasi 100 studenti dei Licei, insieme ai loro insegnanti, provenienti dai Collegi delle tre città, rispettivamente il Leone XIII, il CEI, il Sant’Ignazio, si sono ritrovati dal 14 al 20 febbraio presso Villa Belvedere a Gressoney St. Jean per trascorre la settimana di Carnevale.

Noi Milanesi eravamo partiti con tante aspettative e anche una buona dose di pregiudizi: “Ma i Siciliani, sugli sci, con la neve, come se la caveranno?” Molti infatti non avevano mai messo gli sci e forse neanche mai visto la neve.

Gressoney carnevale

Foto di gruppo davanti a Villa Belvedere

All’inizio eravamo tutti un po’ timorosi, non osavamo mischiarci troppo. Ma già il giorno dopo i gruppi milanesi-palermitani-messinesi hanno iniziato a sgretolarsi e giorno dopo giorno si è formato un unico grande gruppo.

E così la mattina ragazzi di Milano aiutavano quelli di Palermo e Messina a mettere gli scarponi e sciavano con loro, tenendo a freno la propria bravura e rallentando per raccattare qualche caduto.

Allo stesso modo la sera qualche Palermitano aiutava qualche Milanese con i compiti.

Eravamo partiti pensando “Chissà come saranno…”; siamo tornati pensando “Quando ci rivediamo?”.

Una settimana prima non ci conoscevamo neanche; una settimana dopo eravamo lì con le lacrime agli occhi dovendoci lasciare.

Siamo stati insieme solo una settimana, eppure siamo diventanti amici, ma amici per davvero, con la A maiuscola. In una settimana, pur conoscendoci poco, abbiamo condiviso tanto, tantissimo: tante risate, tante nuove esperienze, tanti momenti divertenti, tanti seri e anche qualche lacrima.

Abbiamo imparato molto in questa settimana. Abbiamo riscoperto la bellezza di una cosa per noi quasi scontata, come la neve, vedendo la gioia di ragazzi che non l’avevano mai vista. Ci siamo messi in gioco in prima persona. Abbiamo avuto il coraggio di aprirci a nuove persone condividendo praticamente tutto. Abbiamo avuto la buona volontà di aiutare qualcun altro meno bravo e l’umiltà di farci aiutare. Abbiamo stretto nuove amicizie e rafforzato quelle vecchie.

Abbiamo conosciuto meglio altre persone e forse anche noi stessi.

E’ dura tornare a scuola dopo una settimana del genere (e non solo per le poche ore di sonno!). Tornare alla routine, alla normalità è difficile, triste, ma questa “vacanza” sarà come un raggio di sole del sud nelle nostre grigie mattine milanesi.


Giulia Barberi Ripamonti
II Liceo Classico Leone XIII

Bacheca Download