In cammino verso Santiago: quarta tappa

24 aprile 2015

Leggi il diario della prima / seconda / terza tappa

24 aprile, quarta tappa: da Portomarín a Palas de Rei. Km. 23

quarta tappa 24 4 15
Quarto giorno di cammino. Dopo la lunga tappa di ieri, oggi abbiamo percorso “solo” 23 km. Ovviamente sotto il diluvio.

Volendo metterla su un piano meramente elencatorio, la giornata non è stata molto diversa dalle altre, al contrario dei suoi effetti sullo spirito del gruppo.

Abbiamo percorso il primo tratto di 6 km in gruppi da tre al fine di raccontarci come fosse stata la giornata di ieri: un confronto fra le esperienze di chi ha camminato per 40 km e di chi ne ha percorsi 28. Dopo una pausa ricca di hamburgesas, frutta e risate, abbiamo ripreso il cammino.

Si sono susseguite quindi diverse soste fino alla meta.

Il morale del gruppo è invece tendente allo psicodelirio: il professor Caprioli, tenendo fede al suo cognome, è stato sfidato in una corsa saltellante, con tanto di zaino sulle spalle, da un nostro compagno; c’è chi è entrato in stanza affermando di essersi lavato i capelli con un medicinale (precisamente con del Tachifludec) al posto dello shampoo; camminiamo tutti come marionette a cui hanno tagliato i fili e infine c’è chi ha provato a procacciarsi il pranzo tentando la cattura di alcune sparute galline locali.

Nonostante questa delirante ma divertente situazione, stiamo bene e il nostro cammino prosegue con grande spirito di unità.

Sofia Falcetta, Carloalberto Cirla, Edoardo Guglielmi

 

E’ arrivato in Spagna il secondo gruppo di Liceali che comincerà il cammino domani, 25 aprile. In serata quindi pubblicheremo due resoconti della giornata!

In cammino verso Santiago: terza tappa

23 aprile 2015

Leggi il diario della prima tappa  /  seconda tappa

23 aprile, terza tappa: da Samos a Portomarín. Km. 40

Come prima cosa salta all’occhio la lunghezza della tappa, di conseguenza abbiamo deciso di dividerci in due gruppi, il gruppo degli ironman e quello degli umani.

Gruppo ironman:

Le condizioni del tempo erano ottimali: un sole senza nessuna nuvola in cielo e temperatura piacevole. Gli ironman, alias i pazzi, sono partiti alle 7:30 da Samos dopo la colazione con una giga-brioche. Il percorso di oggi si potrebbe suddividere ancora in due: Samos-Sarria e Sarria-Portomarin.

Iron man o umani?

Ironman o umani?

I primi 12 km per arrivare a Sarria sono passati velocemente, paesaggio paradisiaco con le prime luci del giorno e i nostri canti che animavano le colline. Arrivati a Sarria sosta d’obbligo al bar, altre giga-brioche, panini e hamburger nonostante fossero solo le 10 di mattina e poi… di nuovo in marcia.

Avevamo deciso di fermarci per pranzo in un locale consigliatoci dalla barista ma una volta arrivati lo abbiamo trovato chiuso. Sosta (stavolta senza mangiare) solo a base degli integratori che ci eravamo portati e di nuovo in cammino.

Per fortuna, mentre camminavamo abbiamo trovato una fattoria che ci ha rifocillati in un tripudio di vacche, cani e galli (o capponi, a detta di Cirla). Ripartiti,  il gruppo si è sfilacciato per la stanchezza e per la prospettiva di altri 20 km…

Ognuno ha trovato il suo passo (e il suo passatempo: c’era chi si dilettava in astrusi giochi linguistici, chi in indovinelli, chi cantava e chi si vantava delle proprie trasgressioni… ) e alla fine siamo arrivati a Portomarín dopo una lunga scalinata, ultima tortura sulla strada per il letto. La cittadina è stupenda e siamo tutti felici di andare a dormire.  A domani!

Gruppo umani:

Ci siamo svegliati alle 7:30 del mattino e abbiamo fatto una colazione a base di caffè e ciambelle. Finiti gli ultimi preparativi abbiamo preso il taxi per il primo tratto fino a Sarria. Freschi di forze ancora intatte abbiamo iniziato a camminare.

Dopo due ore e mezza di marcia abbiamo fatto una breve pausa per riposare e chiedere indicazioni. 5 km dopo abbiamo sostato per pranzare in un locale turistico molto particolare (clientela prevalentemente asiatica) e approfittandone abbiamo anche preso il sole. Ripartiti, dopo una lunga camminata frammentata da piccole pause abbiamo raggiunto la nostra meta: Portomarín. Logori dal viaggio ci siamo messi a riposare e ad aspettare gli ironman per cena.

Alberto Binda, Tommaso Certo, Marco Spera

In cammino verso Santiago: seconda tappa

22 aprile 2015

Leggi il diario della prima tappa.

22 aprile, seconda tappa: da Fonfria a Samos. Km. 22

Consapevoli che l’arrivo di ieri non sarebbe stato altro che un nuovo punto di partenza per una
nuova tappa, dopo una notte resa faticosa dall’alta densità umana concentrata in poco spazio, dopo una colazione abbondante e dopo esserci attrezzati per affrontare una giornata sotto la pioggia (il nostro aspetto non era più quello tipico dei pellegrini, ma assomigliava di più a quello dei palombari), ci siamo messi in cammino verso Samos.

Non sarà la pioggia a fermarci

Non sarà la pioggia a fermarci

Già dopo i primi chilometri di cammino il gruppo si è diviso come il giorno precedente: in testa i più in forma ed allenati capitanati dal professore Michele Caprioli e a seguire gli altri, un po’ più lenti nel passo, ma non meno dignitosi e determinati nel sostenere la loro fatica.

Qualche acciacco già si manifestava e dal cielo pioveva il diluvio: nondimeno il morale del gruppo rimaneva alto, tanto che alle 11:00 siamo arrivati verso la metà della tappa, con un certo anticipo sulla tabella di marcia. In un bar copiosi “hamburguesas” ci hanno rifocillati. Riprese le forze, ripresa anche la pioggia, ci siamo rimessi in cammino arrivando nella cittadina di Samos tra le 15:00 e le 14:30: il passo della camminata, come avrete intuito, non era lo stesso per tutti!

Il pomeriggio è stato all’insegna del completo relax, più che meritato: abbiamo potuto riposarci e rilassarci in un ostello accogliente. Alcuni tra i nostri compagni si sono recati presso il Monastero Benedettino di Samos per partecipare ai vespri.

Dopo una cena proteica ci siamo riuniti in un secondo momento di condivisione, quindi ci siamo coricati a letto: sappiamo che la giornata di domani sarà più lunga e impegnativa di quella odierna e senza il necessario domani sera potremmo non essere in grado di mandarvi aggiornamenti…

Michele Zanfagna, Andrea Mammola, Edoardo De Crescenzo

In cammino verso Santiago: prima tappa

21 aprile 2015

Alcuni studenti delle IV Scientifico A e B hanno cominciato questa mattina, 21 aprile 2015, il cammino che porterà loro e i loro professori (padre Mariano Iacobellis, la prof.ssa Valeria Muzzio e il prof. Michele Caprioli) fino a Santiago di Compostela.

L’iniziativa, sperimentata tre anni fa con una classe, è stata estesa quest’anno a tutte le classi del IV anno dei Licei. La IV Classico e la IV Scientifico C partiranno per la Spagna venerdì 24 aprile.

Noi seguiremo giorno per giorno il cammino dei due gruppi, attraverso le pagine di diario e le immagini che gli stessi pellegrini ci avranno inviato.

21 aprile, prima tappa: da Villafranca del Bierzo a Fonfria. Km. 27

Oggi, dopo una sveglia al mattino presto e una rapida colazione, abbiamo finalmente cominciato il nostro cammino. Il primo giorno si dice sia il più duro, sia perché si è fuori allenamento, sia perché è per la maggior parte in salita.
Il Pellegrino, presso Hospital

Il Pellegrino, presso Hospital

Comunque, all’inizio, proseguendo ognuno al suo ritmo, siamo riusciti a raggiungere la prima tappa senza particolare fatica e in netto anticipo sulla tabella di marcia; infatti siamo arrivati al luogo del pranzo verso le 10:30. A quel punto ci siamo fermati per un rapido pasto.

La fatica ha cominciato a farsi sentire dopo la ripartenza dalla prima sosta; il gruppo si è frammentato ancora di più e alcuni di noi hanno anche sbagliato strada: su improvvido consiglio di un nostro caro compagno, di cui non vogliamo fare il nome, abbiamo cominciato la discesa a fondo valle, salvo poi scoprire di dover risalire lungo un ripido sentiero per due chilometri non previsti! Siamo comunque riusciti ad arrivare alla seconda tappa, non senza un po’ di affanno.

Dopo un altro rapido spuntino ci siamo diretti verso la meta della giornata. A quel punto eravamo molto affaticati e il ritmo era stato praticamente perso. Tuttavia siamo riusciti ad arrivare al primo ostello in cui stiamo per coricarci: il clima era di stanchezza generale ma non eravamo esausti: piuttosto, rilassati e soddisfatti.

Ci siamo sistemati nelle postazioni letto e abbiamo vissuto alcuni episodi divertenti: uno di questi ha riguardato le docce, nelle quali una simpatica compagnia di bambini danesi ha schiamazzato lungamente (e non solo), creando una lunga fila di noi ragazzi quanto mai bisognosi di una doccia rigenerante. A seguire siamo andati a cena in un ristorante locale e prima di andare a dormire ci siamo riuniti in un momento di condivisione.

Giovanni Rolandino, Federico Freddi, Lorenzo Albanese

A Torino il gemellaggio sportivo delle Medie

20 aprile 2015

torino-capitale-sport

Nel 2015 la città di Torino è stata nominata capitale europea dello sport.

Ecco perché la sesta edizione del gemellaggio sportivo “SI! ITALIA”, che ha per protagonisti gli studenti delle classi seconde della Secondaria di I Grado, sarà ospitata quest’anno, da martedì 21 a venerdì 24 aprile, dall’Istituto Sociale, dove torna per la seconda volta (la prima è stata nel 2011).

Il gemellaggio è ormai un appuntamento consolidato tra le iniziative promosse dalla rete delle scuole della Compagnia di Gesù in Italia, e vedrà protagoniste le delegazioni provenienti dai sei collegi dei gesuiti: i padroni di casa dell’Istituto Sociale di Torino, i ragazzi dell’Istituto Massimiliano Massimo di Roma, del CEI di Palermo, del Pontano di Napoli, del S. Ignazio di Messina e, naturalmente, del Leone XIII di Milano.

Accompagnati dalla prof.ssa Elena Fietta, i nostri sei atleti, Francesca Bonelli, Veronica Fatigati, Maria Luisa Fera, Francesco Valente, Andrea Wang e Alessandro Wiget, si cimenteranno in una serie di competizioni sportive individuali e di squadra a larghissimo spettro (basket 3C3 e hitball, atletica, nuoto, rugby dimostrativo), all’insegna dell’amicizia e della collaborazione tra le scuole della rete di Gesuiti Educazione.

Si rinnova anche la tradizione dell’ospitalità: tutti i partecipanti al gemellaggio saranno infatti ospiti delle famiglie del Sociale, occasione preziosa per vivere un’esperienza di apertura e di integrazione, nel segno della pedagogia ignaziana cui i nostri collegi ispirano il proprio agire.

Prof. Antonio Bertolotti
Coordinatore Didattico Secondaria di I Grado

Lungo i sentieri della nostra storia

19 aprile 2015

Si rinnova l’appuntamento con la grande storia per le terze medie, che anche quest’anno, com’è ormai tradizione consolidata, affronteranno un viaggio di una settimana che le condurrà in alcuni tra i luoghi più significativi della storia europea del XX e del XXI secolo.

Scorcio di Colmar

Scorcio di Colmar

Le sezioni A e B avranno come meta la regione francese dell’Alsazia. Il percorso permetterà ai ragazzi di conoscere significative testimonianze dell’arte e della cultura europea (come quelle presenti nelle città francesi di Strasburgo, con la sua celebre cattedrale gotica e il quartiere medievale della “Petite France”, di Colmar, attraversata da mille canali e abbellita dalle celebri opere di Martin Schongauer e Mathias Grünewald).

I ragazzi avranno poi modo di entrare in contatto con la storia dei grandi conflitti del Novecento con la visita al Memoriale de l’Alsace a Shirmeck, al Memorial du Ligne 1915 ad Orbey e al campo di prigionia di Natzweiler- Struthof.

Il percorso si concluderà nella sede del Parlamento Europeo di Strasburgo, con una visita guidata ad una delle più belle e importanti sedi delle istituzioni dell’UE.

cattedrale di sgiusto

S. Giusto a Trieste

Le sezioni C, D ed E si dirigeranno invece verso il nord-est italiano, incontrando, nella prima parte del viaggio, alcune tra le più celebri testimonianze dell’antichità romana, paleocristiana e romanica in Italia, visitando il sito archeologico di Aquileia e la basilica con gli straordinari mosaici recentemente restaurati e la città di Trieste con la basilica di S. Giusto.

Il percorso più legato alla storia del Novecento passerà attraverso visite guidate ai siti della Risiera di San Sabba, del castello di Gorizia con il Museo della Grande Guerra, del sacrario di Redipuglia nelle vicinanze di Monfalcone e infine di Caporetto (l’odierna Kobarid, in Slovenia) e dei siti che sono stati scenario di uno dei momenti più importanti della storia italiana ed europea.

Anche quest’anno i viaggi saranno arricchiti da momenti di svago e divertimento, come la visita al bellissimo borgo medievale alsaziano di Riquewihr (ricco di ottimi ristoranti e locali tipici!), o la visita didattico-gastronomica a uno dei principali prosciuttifici a San Daniele del Friuli; ci saranno anche momenti di interesse naturalistico, come la sosta sul lago di Lucerna o quella presso le cascate del Reno a Sciaffusa, o la gita in barca all’isola di Barbana nella suggestiva area lagunare di Grado.

Tutti pronti dunque per la partenza, lunedì 20 aprile di buon mattino. Il rientro a Milano è previsto per entrambi i gruppi nella serata di venerdì 24 aprile.

Prof. Antonio Bertolotti
Coordinatore Didattico Secondaria di I Grado

Menzione d’onore per la IV Classico

16 aprile 2015

Libertà va cercando: è questo il titolo della prima edizione del concorso dantesco nazionale promosso dall’Associazione Dante in rete e dal Centro Dantesco dei Frati Minori di Ravenna.

Qualche settimana dopo aver inviato il nostro elaborato – un percorso che indaga sulla libertà a partire dal Sommo Poeta e arriva ai giorni nostri attraverso la letteratura, il mito e l’arte – abbiamo ricevuto notifica di una Menzione d’onore ottenuta dalla nostra classe.

Martedì 14 aprile, trascorsa una mattinata tra disequazioni goniometriche e Aristofane, siamo partiti alla volta di Ravenna, capitale italiana della cultura nel 2015, per ricevere il “premio” ed esporre, davanti alla giuria e ai ragazzi delle altre scuole partecipanti, il nostro lavoro, preparato sotto la guida della prof.ssa Annamaria Cocuzza.

Giunti a destinazione, lasciate le borse in albergo, abbiamo visitato il centro storico della città e riguardato gli ultimi dettagli per l’esposizione dell’indomani mattina.

Abbondante la cena con cibi romagnoli e poi a letto distrutti!

I classicisti premiati

I classicisti premiati

Mercoledì 15, alle ore 8:30 in una sala del Municipio siamo stati accolti dalle parole del Sindaco di Ravenna, dell’Assessore alla Cultura sia Comunale sia Provinciale, e da Professori che avevano contribuito all’organizzazione del concorso. Tra gli ospiti d’onore anche la famosa poetessa russa, Olga Sedakova, a Ravenna da molti mesi con lo scopo di realizzare una nuova traduzione in russo della Divina Commedia.

Successivamente abbiamo reso omaggio alla tomba di Dante, accompagnati dalla recitazione a memoria del primo canto del Purgatorio da parte di un talentuoso coetaneo di un Istituto di Novi Ligure.

Il premio ci è stato consegnato dalla signora Cristina Mazzavillani Muti, Presidentessa del Ravenna Festival, nella sala Almagià, ricavata da un’ex fabbrica di zolfo, orgogliosamente trasformata in un centro adibito alla cultura. Motivazione del premio: la ricchezza e il rigore del nostro lavoro.

Dopo una tradizionale piadina romagnola, il pomeriggio si è concluso con la visita ai siti archeologi della città tra cui il mausoleo di Galla Placidia, S. Vitale e S. Apollinare Nuovo.

Siamo ora qui, stremati dopo un’intensa giornata, a gustarci un acceso tramonto primaverile a 300 km/h in direzione di Milano Centrale.

Edoardo Buscaroli
IV Liceo Classico

Camp estivo Scuola Primaria

16 aprile 2015

Finite le lezioni iniziano… le preoccupazioni dei genitori che, in attesa delle vacanze famigliari, desiderano offrire ai propri bambini attività ricreative e formative in un contesto conosciuto e qualificato.

La società Grandir e l’Associazione Culturale del Leone XIII anche quest’anno organizzano tre settimane di sport e inglese rivolte ai bambini della Scuola Primaria dell’Istituto e di altre scuole.

camp 1I bambini saranno seguiti da allenatori e tutor madrelingua.

Numerosi gli sport proposti: basket, calcio, pallavolo, rugby, nuoto…

L’inglese sarà parlato nelle attività creative del pomeriggio.

Il camp si terrà nei giorni 8 – 26 giugno.

Questo l’orario della giornata: 8:45 – 16.

Ci si può iscrivere – entro il 30 aprile – ad una, due o tre settimane, nel periodo di preferenza.

CLICCA QUI per il programma delle giornate

CLICCA QUI per il modulo di iscrizione

Newsletter speciale EXPO

14 aprile 2015

Clicca qui per leggere il numero speciale della newsletter dedicato ad EXPO 2015.

Leone news – speciale EXPO 2015

14 aprile 2015

Care Famiglie, questo numero della Newsletter è tutto dedicato ad EXPO, a cui siamo ormai prossimi. L’augurio per noi, Istituto cattolico, è che tale evento offra spunti di sensibilizzazione e di confronto su molti temi, come la povertà e la solidarietà, lo spreco e la condivisione. Se in questi mesi a scuola abbiamo già avviato una riflessione, presentando EXPO agli studenti, coinvolgendoli in diverse attività (es. L’albero dell’Alimentazione, il volontariato, i concorsi), offrendo occasioni di approfondimento per i Genitori, con i primi di maggio, all’avvio dell’esposizione, il dibattito al Leone si amplierà: ospiteremo infatti il convegno internazionale “I Gesuiti e la Storia”, dedicato quest’anno al tema della sostenibilità. Seguiranno altre importanti iniziative e scopriremo, alla fine, che anche il cibo può aiutarci a crescere, come persone attente e rispettose del mondo in cui viviamo e degli altri.  Il Rettore prof.ssa Gabriella Tona

Clicca qui per leggere la newsletter: Speciale EXPO

« Pagina precedente
Pagina successiva »

Bacheca Download